mercoledì 7 febbraio 2018

Pasolini sul Vangelo di Cristo.

Vangelo la consola? 
Non cerco consolazioni. Cerco umanamente ogni tanto qualche piccola gioia, qualche piccola soddisfazione, ma le consolazioni sono sempre retoriche, insincere, irreali. 
Ma lei intende il Vangelo di Cristo? 
Sì. Allora in questo senso escludo totalmente la parola consolazione. 
Che cos'è per lei il Vangelo? 
Per me il Vangelo è una grandissima opera di pensiero che non consola, che riempie, che integra, che rigenera, che mette in moto i propri pensieri, ma la consolazione... che farcene della consolazione? Consolazione è una parola come speranza. 
Pier Paolo Pasolini.
" Parole stupende pronunciate dallo scrittore dichiaratamente ateo, marxista e omosessuale " Meglio di certe omelie pronunciate da preti nostrani , subito pronti a puntare il dito verso chi non crede o verso che professa altri credo religiosi " ... Il saper vedere oltre il proprio orto è una virtù di pochi... Ricordate Papa Francesco quando su un aereo pronunciò queste parole: «Chi sono io per giudicare un gay?» . La Chiesa Cattolica ha bisogno di Parroci : umili, saggi.. e che seguono l'esempio del Vescovo di Roma.. In parole " PRETI POVERI E UMILI ".
Am 

Nessun commento:

Posta un commento